Gigio Donnarumma: "Una delle più belle parate che ho fatto in questi pochi anni di carriera"

Donnarumma, portiere del Milan, ha analizzato ai microfoni di SkySport il pari con il Napoli. 
15.04.2018 19:10 di Alessandra Martino  articolo letto 40 volte
Gigio Donnarumma: "Una delle più belle parate che ho fatto in questi pochi anni di carriera"

"Non so se sia la parata Scudetto perché mancano ancora molte partite e auguro al Napoli di giocarsela fino alla fine. E’ stata una bella parata all’ultimo secondo, non ho pensato agli avversari, ho esultato per la parata. Ci alleniamo sempre al massimo, poi è normale che un portiere abbia degli alti e bassi. Io continuo a lavorare e a dare sempre tutto come ho sempre fatto. Ringrazio anche il mister per le belle parole, stiamo lavorando bene ma il merito è anche della squadra che mi dà grande tranquillità. Una parata che mi fa venire voglia di diventare una bandiera rossonera? Sì, fa piacere fare queste parate ma di mercato non so niente. Io penso solo a lavorare e a dare il massimo per questa maglia per il mercato ci penseranno il mio agente e la società. Reina degno di farmi da secondo? Questo non lo so. Gli faccio i complimenti perché è un grandissimo portiere, ha dato tanto al calcio e lo darà ancora per molto tempo. Questa parata come quella di Dida nel 2003 contro l’Ajax? L’ho vista molte volte quella parata, si stavano giocando la Champions e credo che la sua parata sia stata più difficile".

Sulla strepitosa parata su Milik nel finale di partita: Gattuso ha detto “Lui quelle cose che le ha. Quindi, parata già archiviata”

Si, parata archiviata, si va avanti, perché ci sono altre partite da giocare, abbiamo tanto da giocarci, abbiamo un obiettivo da raggiungere, che è l’Europa. Quindi, andiamo avanti, archiviamo la parata e si lavora più di prima.

È una delle parate più belle della tua carriera? Ce la racconti?

Si, sicuramente una delle più belle che ho fatto in questi pochi anni di carriera. Da lì, un pochino bisogna anticipare, perché Milik era vicinissimo, sono stato bravo a portarla dalla mia parte e a fare una grande parata.

100 partite in Serie A a 19 anni e 49 giorni; che mesi saranno i prossimi per te?

Mesi tranquilli, non penso al mercato, lavoro come ho sempre fatto, non penso al mercato, non penso a nulla, dò tutto per questa maglia e basta.

Dopo la grande parata su Milik e dopo la tua esultanza, sono arrivati, da una parte della tifoseria del Napoli, dei cori contro di te; come la vivi, tu che sei nato da quelle parti?

Sicuramente, mi dispiace davvero tanto, perché non ho mai detto mezza parola fuori posto nei confronti di Napoli. Anzi, ho sempre elogiato Napoli, guardo ogni partita con il fiato sospeso, perché spero che vinca. Mi dispiace davvero tanto perché sono di Castellamare, provincia di Napoli, sono di lì, amo questa città e non so perché i tifosi facciano cori del genere.

Anche perché da piccolo, magari, oltre a tifare Milan, simpatizzavi anche un po’ per il Napoli

Certo, simpatizzo per il Napoli, è la squadra della mia città e non ho niente contro questa squadra, contro questi tifosi. Mi dispiace davvero tanto e non so che dire.

Reina è già a braccetto con te per la prossima stagione? Non siete troppo ingombranti in due?

No, siamo amici, ci siamo abbracciati. Non abbiamo parlato di mercato e nemmeno di futuro. Ci siamo solo fatti i complimenti, perché loro possono ancora lottare per lo scudetto e io lo spero. Ci siamo dati un bell’abbraccio e ci siamo salutati.

Arrivederci o addio, cosa vi siete detti? Arrivederci, sempre.