È davvero la fine?

02.06.2020 23:43 di luigii nappo   Vedi letture
Fonte: tuttonapoli.net
È davvero la fine?

(di Gennaro Di Finizio) - Mentre ci prepariamo alla ripartenza del campionato, le voci di mercato continuano a tenere banco incessantemente. E' il periodo, direbbe qualcuno, ed è quasi fisiologico che a ridosso della stagione estiva siano tante le indiscrezioni riguardo la sessione di calciomercato che, per quest'anno, sarà posticipata di diverse settimane. 

Anche in casa Napoli il chiacchiericcio è rumoroso, ed inevitabilmente si concentra sui giocatori che già durante lo scorso inverno avevano attirato su di se il vociare di giornalisti ed addetti ai lavori. Proprio in casa partenopea - lo diciamo da mesi - sembra ormai pronta una rifondazione che vedrà andare via diversi giocatori, alcuni dei quali pilastri che hanno spinto la macchina azzurra in questi anni.

Kalidou Koulibaly è uno dei pezzi da 90 che potrebbe lasciare Napoli nei prossimi mesi. Il condizionale, ovviamente, è d'obbligo, visto che per il momento ci sono tanti rumors, come sempre successo nel caso del difensore senegalese. Stavolta, però, la situazione sembra diversa: quella di Koulibaly pare un'avventura arrivata davvero al capolinea, sfociata in una stagione che lo ha visto protagonista più negativo che positivo, a cominciare dal terribile autogol di Torino ad inizio stagione, passando per i diversi infortuni che lo hanno tenuto lontano dal campo.

Attorno al difensore azzurro ci sono pretendenti di alta classe, i migliori club d'Europa: Manchester United, PSG, Barcellona e Real Madrid, tutti pronti a scatenare un'asta ed a pagare Kalidou a peso d'oro. De Laurentiis, si sa, non lo lascerà partire senza intascare un assegno importante, ma questo non sembra essere un ostacolo per l'elite del calcio europeo.

La domanda, dunque, sorge spontanea: è davvero la fine della storia tra Napoli e Koulibaly? Dopo aver scritto stagioni importanti, essersi guadagnato la medaglia di miglior difensore della Serie A, aver incantato il San Paolo con interventi da urlo e prestazione da top player, il destino di Kalidou potrebbe essere lontano dalla bella Napoli che lo stesso difensore non ha mai dimenticato di elogiare ed incensare nel corso degli anni.

Un altro finale potenzialmente amaro, come se ne sono visti tanti negli ultimi vent'anni azzurri, che probabilmente avrebbe meritato (o meriterebbe) qualcosa di molto diverso.